Concorrenza sleale - Risarcimento danni patrimoniali e non patrimoniali - Infondatezza della domanda - Casistica.

Concorrenza sleale - Risarcimento danni patrimoniali e non patrimoniali - Infondatezza della domanda - Casistica.

In tema di concorrenza sleale sono infondate le domande risarcitorie esperite ai sensi degli artt. 2043 e 2059 c.c., laddove non risultino acquisti dati e prove certe in ordine all'asserita concorrenza sleale parassitaria. Nella specie, la produzione e commercializzazione delle sedie da parte della società convenuta, alla luce delle caratteristiche evidenziate dal CTU, esclude che tali condotte integrino la le dedotte ipotesi di concorrenza sleale per imitazione servile ex art. 2598 n. 1 c.c. e per scorrettezza professionale ex art. 2598 n. 3 c.c.; trattasi infatti di beni che presentano differenze sostanziali rispetto ai modelli registrati di cui è titolare la società attrice per cui non sussiste il pericolo di confusione tra prodotti concorrenti.
Tribunale di Bari, Civile, Sentenza 27 luglio 2021, n. 2898

Studio Legale Ortoman

Tel. +39.0429-804392

Fax 0429-1900301

Skype

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

STUDIO LEGALE ORTOMAN - via San Francesco, 13 - 35044 Montagnana (PD)

Via Zamenhof, 817 - Vicenza - Tel 0444-130090




Nessuna evento nel calendario
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31